Phoebe

Vi ricordate della piccola nonnina Phoebe?
Venerdì 9 aprile abbiamo dovuto ricoverarla perché dal 2 ha cominciato a stare male: vomito, difficoltà di deiezione e inappetenza.

Inizialmente la sua mamma aveva pensato che il tumore alla milza, diagnosticatole tempo fa, si fosse sviluppato o avesse sviluppato metastasi; ma poi, con il ricovero ed i diversi accertamenti (ecografia addominale e radiografia toracica), è stato stabilito che la causa era dovuta a una gastrite.  Sabato pomeriggio l’hanno dimessa e l’abbiamo riportata a casa dove sta seguendo le terapie di riabilitazione e presto speriamo ritorni ad essere pimpante e mangiona.

Ti dicono di non Piangere

Ti Dicono di Non Piangere by Emanuele Spud Grandi ad Amarilla

Ti dicono di non piangere.
Ti dicono come piangere.
Ti dicono quando piangere.
Ti dicono perché piangere.
Ti dicono che è un cane, mica una persona.
Ti dicono che il dolore passerà.
Ti dicono che gli animali non sanno di dover morire.
Ti dicono che l’importante è non farlo soffrire.
Ti dicono che tanto ne puoi prendere un altro.
Ti dicono che ti passerà.
Ti dicono che ci sono dolori più lancinanti.

Però non sanno quante volte hai guardato negli occhi il tuo cane.
Non sanno quante volte siete stati tu e il tuo cane soli a guardare le stelle.
Non sanno quante volte accanto a te c’è stato solo il tuo cane.
Non sanno che l’unico che non ti ha mai giudicato è il tuo cane.
Non sanno quanta paura hai avuto la notte che ti hanno svegliato i suoi lamenti.
Non sanno quante volte il tuo cane si è addormentato vicino a te.
Non sanno quanto tu sia cambiato da quando il cane è entrato a far parte della tua vita.
Non sanno del legame che nasce fra l’uomo e il suo cane.
Non sanno quante volte lo hai preso in braccio quando stava male.
Non sanno quante volte hai finto di non vedere il suo pelo che diventava sempre più bianco.
Non sanno quante volte hai parlato al tuo cane, l’unico davvero capace di starti ad ascoltare.
Non sanno quanto tu fossi bello per il tuo cane.
Non sanno che a volte è stato solo il tuo cane a sapere che stavi soffrendo.
Non sanno cosa abbia significato per te camminare con il tuo cane in un bosco, da soli.
Non sanno quali sentimenti il tuo cane ti abbia fatto provare.
Non sanno cosa si prova a vedere il proprio cane anziano che si alza a fatica per venirti a salutare.
Non sanno che quando le cose ti andavano male l’unico che non se n’è andato è il tuo cane.
Non sanno che il tuo cane si è fidato di te in ogni istante della sua vita, anche nell’ultimo.
Non sanno quanto il tuo cane ti abbia amato e quanto poco gli bastasse per essere felice, perché a lui bastavi tu.
Non sanno quanto tu abbia pianto di nascosto al tuo cane per non fargli sentire la tua paura.
Non sanno che piangere per un cane è una delle cose più nobili, significative, vere, pulite, sincere che tu possa fare.

Non sanno dell’ultima volta che lo hai spostato a fatica… facendo attenzione a non fargli male.
Non sanno degli ultimi suoi istanti di vita nei quali avevi paura di accarezzarlo… perché potevi dargli noia o fargli male..

Perché non stai piangendo un cane, ma loro questo non lo sanno.

photo from pinterest

Aaron

Questo pelosetto è Aaron, ha circa tre anni ed è stato adottato a febbraio da Gabriella, già mamma di Lilly e Birillo, venuti a mancare lo scorso anno; e una delle mamme di Gigi, il Cenerino. Come potete notare è chiaramente un Meticcio, probabile incrocio tra un Volpino e un Chihuahua. Aaron è stato abbandonato, probabilmente ha subito dei maltrattamenti, perché ha paura del moschettone del guinzaglio. Inoltre il piccino è ipovedente.
E’ però molto dolce, ben educato e segue la sua umano-mamma come un’ombra 😀

Animali nella Costituzione

primo passo al Senato

“La Repubblica tutela l’ambiente e gli ecosistemi, anche nell’interesse delle future generazioni; protegge la biodiversità e gli animali”: in Senato è stato fatto il primo, grande passo, per inserire la tutela degli animali e dell’ambiente nella Costituzione. Da 22 anni, con un costante lavoro di contatto con le Istituzioni e l’opinione pubblica, chiediamo questa Riforma che altri Paesi – dalla Germania all’India – hanno già realizzato. Ci vorranno 4 approvazioni prima che questo testo diventi Legge: un tema su cui anche il Presidente Draghi ha preso un impegno pubblico.

Con questo testo del Senato inoltre sarà esclusivamente lo Stato a decidere della gestione degli animali selvatici. Nel caso degli orsi, ad esempio, la Provincia di Trento non potrebbe più deciderne la sorte.
Facciamo fare all’Italia questo passo di civiltà! Sostieni le nostre battaglie per ottenere nuove ed efficaci Leggi!

DONA ORA

photo e articolo LAV